Martiri per l’Amazzonia

giugno 6, 2019 12:01 am

Verso la fine di maggio di otto anni fa, un marito e una moglie che avevano difeso coraggiosamente le popolazioni rurali e le terre protette sono stati assassinati in Brasile. Mentre la comunità cattolica si prepara per una riflessione di un mese sull’Amazzonia e la sua gente, ci fermiamo a ricordare i martiri che hanno dato la loro vita per questa causa.

Nel 2011, Maria do Espírito Santo da Silva e suo marito, José Cláudio Ribeiros da Silva, sono stati uccisi vicino alla loro casa nello stato del Pará, in Brasile. Loro erano membri di gruppi che avevano difeso la protezione della gente e della terra.

Le terre protette sono state a lungo colpite in Brasile, tra allevatori e minatori che hanno tagliato centinaia di radure illegali e falciato decine di migliaia di alberi per l’industria. Durante l’uccisione di Maria e José Cláudio, più di 1.150 contadini e difensori dei diritti umani, inclusi i preti, sono anche stati uccisi in dispute per la protezione della terra.

Secondo Front Line Defenders, “Gli omicidi sono per lo più effettuati da uomini armati assunti dai taglialegna, allevatori e agricoltori per far tacere la protesta contro il taglio illegale di alberi nelle foreste. È stato riferito che sono meno di 100 i casi finiti in tribunale e solo un autore è attualmente in carcere.”

Maria e José Cláudio erano coniugi, genitori, nonni e amati membri della comunità, e Maria era un’educatrice. Alla fine di maggio 2011, uomini armati hanno sparato contro di loro più volte. I loro corpi sono stati trovati all’interno della riserva naturale che hanno provato a difendere.

Maria era un’educatrice, e l’Instituto Transformace: Cultura & Educação del Brasile
ha prodotto un libro di storie locali, poesie e risorse educative nella sua memoria. Una versione scaricabile è disponibile in inglese e portoghese qui.

Questo ottobre, i vescovi di tutto il mondo si riuniranno a Roma per un incontro di un mese sull’Amazzonia e la sua gente. Questo incontro, o sinodo, suggerirà una riflessione continua su come proteggere questo bellissimo luogo a rischio e le persone che lo condividono.

Siamo tutti invitati a pregare e riflettere su questi temi, sia che viviamo in Amazzonia o in altri luoghi. Una guida di discussione per piccoli gruppi e molto altro è disponibile qui.